Log in

Arte Fiera 2018

Indice articolo

Sono 152 le importanti gallerie chiamate a trasformare i padiglioni 25 e 26 di BolognaFiere in grande piattaforma di arte e dibattito su moderno e contemporaneo, numero volutamente ponderato nell’ottica di mantenere alta la qualità della manifestazione, a cui si aggiungono 30 espositori legati a editoria, grafica e creatività, per un totale di 182 presenze. Angela Vettese, al suo secondo anno di direzione artistica della manifestazione, mantiene il taglio curatoriale della fiera proseguendo la svolta avviata nel 2017, arricchendo al contempo la kermesse di fondamentali momenti di approfondimento dedicati sia ai singoli artisti che alla riflessione teorica.

Con grande attenzione rivolta specificamente al panorama delle gallerie italiane, Arte Fiera 2018 mantiene il suo ruolo di fiera nazionale per eccellenza, puntando a rafforzare il proprio posizionamento “colto”, che si inserisce perfettamente nel tessuto cittadino di Bologna valorizzandone così la sua migliore tradizione di città “dotta”, capace di focus critici così come di momenti sperimentali. Arte Fiera diventa quindi un magnete inclusivo, che attiva realtà quali FICO, Cineteca, Teatro Comunale, i musei e le fondazioni cittadine, l’Università e moltissimi soggetti privati; tra questi Fondazione Golinelli che proporrà in fiera un’esperienza immersiva in 3D sui temi della mostra ‘IMPREVEDIBILE, essere pronti per il futuro senza sapere come sarà’ (in esposizione al Centro Arti e Scienze Golinelli fino al 4 febbraio).

La veste grafica è affidata anche quest’anno allo Studio Andrea Lancellotti, con cui si è scelto lo sguardo come tema portante: sta agli occhi del visitatore costruire il proprio itinerario di elezione, oltrepassando generi, tecniche e tendenze.

LE NOVITA’

Arte Fiera 2018 arricchisce l’architettura costruita lo scorso anno con alcune importanti novità. In programma il 2 e il 3 febbraio il convegno internazionale a cura di Angela Vettese con Clarissa Ricci, intitolato Tra mostra e fiera: entre chien et loup, organizzato in collaborazione con l’Università IUAV di Venezia con il patrocinio dell’Università di Bologna,
sul tema della crescente ibridazione tra mostre e fiere: un argomento hot, ma fino a ora poco indagato forse a causa della persistente resistenza di storici, curatori, teorici a mettere in relazione arte e mercato.

Gli incontri saranno a cura di Clarissa Ricci, Cristina Baldacci e Camilla Salvaneschi e vi partecipano accademici, artisti, critici, curatori, editor e altri attori dell’art system. Tra i relatori di spicco anticipiamo la presenza di Terry Smith, Bruce Altshuler e John Rajchman.

La Main Section della fiera vedrà gli approfondimenti della nuova sezione Modernity, il cui concept si rintraccia nell’etimologia del termine: Modernity non come arte moderna, correntemente intesa come arte del primo Novecento, ma come attualità, dalla radice latina modo. All’interno di 11 stand i visitatori potranno ammirare piccole mostre personali di artisti meritevoli di uno sguardo più attento. L’intento è quello di creare un percorso tra artisti diversi per epoca, nazionalità e movimento di afferenza, accomunati dal fil rouge della peculiare rilevanza che distingue il loro lavoro e dal coraggio dei galleristi che hanno deciso di presentarli.

Sono stati pertanto selezionati:

Galleria Alessandra Bonomo • Joan Jonas (USA 1936) Galleria Maurizio Corraini• Giosetta Fioroni (Italia 1932) Galleria De’ Foscherari • Gianni Piacentino (Italia 1945)
Galleria Umberto di Marino • Eugenio Spinoza (Venezuela 1950) Galleria Six • Terry Atkinson (Gran Bretagna, 1939)
Guastalla Centro Arte • Marino Marini (Italia 1901-1980) Galleria Guidi & Schoen • Olivo Barbieri (Italia 1954) Galleria Michela Rizzo • Martino Genchi (Italia 1982) Nuova Galleria Morone • Maria Lai (Italia 1919-2013)
Prometeogallery • Regina José Galindo (Guatemala, 1974) Studio Guastalla • Emilio Isgrò (Italia 1937)

E ancora, si rafforza ulteriormente il legame con la città e la sezione POLIS quest’anno si arricchisce con nuove declinazioni.

la robusta anima miaPOLIS / ARTWORKS comprende installazioni in suggestivi e imprevisti spazi in città, a cura di Angela Vettese con il coordinamento di Nicolas Ballario e in collaborazione con alcune gallerie che partecipano ad Arte Fiera.

In mostra durante i giorni della fiera opere di:

Vito Acconci (USA, 1940-2017) • Osart, Milano
Orto Botanico ed Erbario di Bologna

Andreco (Italia, 1978) • Traffic, Bergamo
Palazzo Poggi

Valerio Berruti (Italia 1977) • Marcorossi, Milano, Pietrasanta (LU), Verona
Palazzo D’Accursio

Alik Cavaliere (Italia 1926-98) • Niccoli, Parma
Orto Botanico ed Erbario di Bologna

Mario Cresci (Italia 1942) • MLB Maria Livia Brunelli, Ferrara
Palazzo D’Accursio

Giuseppe De Mattia (Italia 1980) • Matèria, Roma
Spazio Carbonesi

Sanna Kannisto (Finlandia 1974) • Metronom, Modena
Spazio Carbonesi

Luigi Mainolfi (Italia 1948) • Paola Verrengia, Salerno
Biblioteca Universitaria di Bologna

Rachele Maistrello (Italia 1986) • Metronom, Modena
Spazio Carbonesi

Dennis Oppenheim (USA, 1938-2011) • Montrasio Arte / KM Ø, Milano, Monza (MB) Museo di Palazzo Poggi

Luigi Veronesi (Italia 1908-1998) • 10 A.M. ART, Milano
Museo di Palazzo Poggi

POLIS / CINEMA, La comunità che viene, a cura di Mark Nash, è una rassegna di film che si tiene sia in fiera che al MAMbo e che riflette sull’identità comunista e postcomunista di una gran parte della cultura sia bolognese che italiana. Assumendo Pierpaolo Pasolini come trait d’union con l’esposizione che lo stesso Nash curò lo scorso anno presso il Museo Archeologico, si pone come un’indagine di immagini del passato che ancora hanno ripercussioni irrisolte o inconsapevoli sul presente.

POLIS / SPECIAL PROJECTS: PERFORMING THE GALLERY, progetto a cura di Chiara Vecchiarelli che esplora le potenzialità operative della performance nel contesto culturale, politico ed economico del contemporaneo. Il progetto è realizzato in collaborazione con Galerie, una galleria immateriale che tratta esclusivamente opere d’arte immateriali. Galerie sarà presente in fiera con la versione performativa dello stand My Body is My Booth, in cui le opere rappresentate vengono performate dai galleristi per la durata della fiera. Parallelamente, presenterà The Intensive Curses, una serie di workshop aperti al pubblico e tenuti da artisti scelti tra quelli rappresentati, a rendere tangibile lo stretto legame tra la produzione di sapere e di valore. Il programma The Intensive Curses avrà luogo in fiera e presso la Fondazione Collegio Artistico Venturoli dove è prodotto in collaborazione con Art City. Come la galleria, così il workshop si rivela un potenziale mezzo artistico.

POLIS / BBQ, coordinato da Mia D. Suppiej, progetto che connette il lavoro di artist run space e spazi no profit sorti negli ultimi anni a Bologna e offre uno scorcio sulla scena indipendente dell’arte contemporanea in città, con un calendario di mostre, performance e opening.

Si dilata con ulteriori proposte PRINTVILLE, a cura di Amedeo Martegani di a+mbookstore, la innovativa sezione dedicata alla stampa e alle opere multiple, che come lo scorso anno accoglie i visitatori all’inizio del percorso espositivo.

Novità anche sul fronte digitale: Arte Fiera lancia quest’anno la sua prima App per iOS e Android, rivolta al pubblico italiano e internazionale, che permette un’esperienza di visita ancora più completa, sia per la fiera che per gli eventi città. E’ previsto anche un concorso rivolto agli utenti che utilizzeranno la App e caricheranno una foto scattata durante la fiera. Info su www.artefiera.it

Infine, alcune importanti acquisizioni: la Fondazione Carisbo stanzia il “Fondo Arte Fiera”, fino a 50.000 euro destinati all’acquisizione di una o più opere che andranno ad arricchire le Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, e la Fondazione MAST sceglierà ad Arte Fiera delle opere fotografiche sul tema industria e lavoro per la propria collezione.

LE SEZIONI

Arte Fiera 2018 non prevede linee di confine espositivo tra moderno e contemporaneo, ad eccezione del gruppo Nueva Vista. Le sezioni e i generi si mescolano organicamente con l’intento di creare un percorso di visione e di interesse in cui le opere di ieri e di oggi dialogano armonicamente, superando linee di demarcazione divenute ormai inaffidabili e anzi generando un’evoluzione critica.

MAIN SECTION + MODERNITY
La sezione principale è dedicata a gallerie di arte moderna e contemporanea. Ecco i nomi.

10 A.M. ART MILANO • ABC - ARTE GENOVA • ARTESILVA SEREGNO • ANTONIO BATTAGLIA MILANO • GIAMPIERO BIASUTTI TORINO • BIASUTTI & BIASUTTI TORINO
• FLORA BIGAI PIETRASANTA • GIOVANNI BONELLI MILANO • BONIONI ARTE REGGIO EMILIA • ALESSANDRA BONOMO ROMA • BOXART VERONA • THOMAS BRAMBILLA BERGAMO • C+N CANEPANERI MILANO - GENOVA • CA’ DI FRA’ MILANO • CARDELLI
& FONTANA SARZANA • ALESSANDRO CASCIARO BOLZANO • ANTONELLA CATTANI
BOLZANO • CINQUANTASEI BOLOGNA • CLIVIO PARMA - MILANO • COLOSSI BRESCIA
• CONTINI VENEZIA - CORTINA D’AMPEZZO • CONTINI ART UK LONDON • GALLERIA CONTINUA SAN GIMIGNANO - BEIJING - LES MOULINS - HABANA • COPETTI UDINE • MAURIZIO CORRAINI MANTOVA • CORTESI GALLERY MILANO - LONDON - LUGANO
• LARA E RINO COSTA VALENZA • DE’ FOSCHERARI BOLOGNA • PAOLO MARIA DEANESI TRENTO • DELLUPI MILANO • COSTA DENIARTE ROMA • UMBERTO DI MARINO NAPOLI • DI PAOLO BOLOGNA • E3 BRESCIA • EDUARDO SECCI FIRENZE
• EIDOS IMMAGINI CONTEMPORANEE ASTI • FABBRICA EOS MILANO • FEDERICA SCHIAVO GALLERY MILANO - ROMA • FERRARINARTE LEGNAGO • SANTO FICARA FIRENZE • FORNI BOLOGNA • FRANCESCA ANTONINI ROMA • GALERIE INTERNATIONAL • GALLERIA DELLO SCUDO VERONA • GALLERIA FREDIANO FARSETTI FIRENZE • GALLERIA SIX MILANO • GIRALDI LIVORNO • GRANELLI

 


Prec Succ »

Ultima modificaSabato, 03 Febbraio 2018 21:36
  • Data inizio: Venerdì, 02 Febbraio 2018
  • Data fine: Lunedì, 05 Febbraio 2018
  • Evento a pagamento:

Altro in Bologna

Roberto Daolio - Vita e incontri di un critico d'arte attraverso le opere di una collezione non intenzionale

Viene presentata al MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, una selezione di opere d'arte e documenti appartenuti a Roberto Daolio, prematuramente scomparso nel 2013, la cui intera collezione entrerà prossimamente in possesso del museo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Showers

26°C

Bologna

Showers

Humidity: 45%

Wind: 17.70 km/h

  • Thunderstorms
    21 Jul 2018 28°C 18°C
  • Thunderstorms
    22 Jul 2018 31°C 19°C